La PASTIERA un dolce che difficilmente manca sulle tavole dei napoletani a Pasqua.  Simbolo della primavera, ha due ingredienti che la rendono inconfondibile: l'acqua di fiori d'arancio e il grano cotto.



 

 

 

 

 

pastiera

 

"Currite, giuvin! Ce st 'a pastiera!"

E' nu sciore ca sboccia a primmavera,

e con inimitabile fragranza

soddisfa primm 'o naso,e dopp'a panza.

Pasqua senza pastiera niente vale:

'a Vigilia senz'albero 'e Natale,

comm 'o Ferragosto senza sole.

Guagli,chest' 'a pastiera.Chi ne vuole?

Ll' ingrediente so' buone e genuine:

ova,ricotta,zucchero e farina

(e' o ggrano ca mmiscato all'acqua e' fiori

arricchisce e moltiplica i sapori).

'E ttruove facilmente a tutte parte:

ma quanno i' f l'imposto,ce v ll'arte!

A Nojob Partenope,'a sirena,

c'a pastiera faceva pranzo e cena.

Il suo grande segreto 'o ssai qual'?

Stu dolce p gh pure annanz' o Rre.

E difatti ce jette. Alludo a quando

il grande Re Borbone Ferdinando

fece nu' monumento alla pastiera,

perch facette ridere 'a mugliera.

M tiene voglia e ne pruv na' fetta?

Fattlla: cc ce st pur' a ricetta.

A pu truv muovendo un solo dito:

te serve pe clicc ncopp ' a stu sito.

Mngiat sta pastiera,e ncopp' a posta

dimme cumm'era: aspetto  na' risposta.

Che sar certamente"Oj mamma mia!

Chest nunn' nu dolce: na' poesia!"

 

Siti partner: